02-set-16

Data:
13 Luglio 2020
In questi giorni sta facendo molto discutere il fatto che le province non abbiano più soldi e che pertanto la manutenzione delle strade, e in modo particolare  dei cigli stradali, non possa venire più assicurata.
A parte il fatto che sono anni che le strade provinciali appaiono alquanto trascurate in termini di sfalcio erbacce e decoro delle rotonde, e quindi non è da oggi che il problema si pone.
La cosa che però che fa specie è che si da sempre colpa alle province della trascuratezza delle strade, dimenticando che la legge pone in capo ai comuni e quindi ai sindaci alcuni tipi di manutenzione delle strade provinciali che passano nei centri abitati, ad esempio la cura della segnaletica stradale.
Pescate è uno dei pochi comuni se non l’unico della provincia, che non si è mai posto il problema di chi dovesse fare manutenzione spiccia sulle strade che lo attraversano.
Tutta la manutenzione delle strade in termini di taglio dell’erba, è posta in carico ai nostri stradini. Punto.
Il motivo? Semplice, ogni ente proprietario delle strade ha il suo piano di manutenzione  dei cigli stradali e delle erbacce che vi crescono, piano di manutenzione che per me, che volevo e voglio garantire al paese un decoro ineccepibile, è sempre stato troppo carente.
E’come quando un cittadino  compera un appartamento:  l’impresa ha un certo standard di piastrelle, infissi, rifiniture, comprese nel prezzo e quello offre e garantisce, se vuoi di più le aggiunte  le paghi tu.
Quindi piuttosto che vedere erbacce in ogni dove perché tagliate una sola volta all’anno, oltre che le nostre strade comunali,  tagliamo noi sulle tre strade provinciali che attraversano il paese, tagliamo noi sugli svincoli Anas fino alla sommità del Terzo Ponte e non mando gli stradini sul ponte solo perché non abbiamo attrezzature per operare sulle strade extraurbane ad alto scorrimento.
Senza contare le rotonde e le aiuole spartitraffico della Provincia che abbiamo sempre tagliato noi nel corso degli anni e che comunque ce li siamo aggiudicati anche ufficialmente partecipando al bando provinciale delle manutenzioni, proprio per aver la certezza di essere sempre noi ad occuparcene.
E’ ovvio che queste manutenzioni abbiano un costo, ma tre nostri stradini arrivano dal Centro dell’Impiego della Provincia e quindi a costo zero, paghiamo solo le integrazioni oltre l’orario di lavoro,  e la convenzione con il Tribunale di Lecco ci permette di avere diversi operai-anche cinque contemporaneamente- sempre a costo zero per le casse comunali.
Quindi vale proprio il detto “Se vuoi di più ci pensi tu” però credo che siano queste le politiche da mettere in campo, perchè un territorio rispecchia anche i suoi abitanti e i pescatesi da questo lato credo facciano bella figura e siano portati come esempio virtuoso.
Buon fine settimana.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 30 Luglio 2020