03-mag-17

Data:
13 Luglio 2020
La recentissima Legge 48 dello scorso mese di aprile in materia di sicurezza, ha esteso anche ai sindaci la possibilità di allontanamento dal paese di una certa tipologia di persone, il cosiddetto daspo urbano, verso chi si rende responsabile di danneggiamenti o comportamenti di disturbo alla decenza e alla pubblica quiete.
Con il Comando di Polizia locale stiamo valutando l’applicazione di queste norme anche a Pescate, all’interno del vigente regolamento di Polizia urbana, al fine di contrastare efficacemente tali comportamenti, aggiornando anche le sanzioni.
Tre le categorie su cui proporremo di inasprire le azioni e cioè le prostitute e affini, i mendicanti più o meno falsi, i vandali e writers dei parchi.
Una prima bozza delle modifiche al regolamento sarà portata all’attenzione dei miei consiglieri entro metà mese, e verso la fine di maggio il consiglio comunale sarà chiamato ad approvarle.
Pescate quindi sarà uno dei primi comuni italiani a recepire le nuove norme, una ulteriore  conferma di quanto  teniamo al decoro  del paese e alla sicurezza dei nostri cittadini.
A domani.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 30 Luglio 2020