14-15 giugno 2017

Data:
13 Luglio 2020
Nella giornata di oggi giovedì, sia la chat delle “Sentinelle pescatesi” che il telefono della polizia locale sono stati presi d’assalto per segnalare la presenza in paese di venditori porta a porta di un’unica ditta, con una squadra di sei venditori divisi in gruppetti da due,  in giro per il paese per proporre ai cittadini contratti di fornitura.
La posizione della ditta alle nostre prescrizioni del caso  è al vaglio della Polizia locale intercomunale prontamente intervenuta.
Il nostro regolamento , scaricabile anche alla voce "Statuto e regolamenti" di questo sito, che a mio avviso sarebbe da estendere in tutta Italia,  non mira a impedire le vendite porta a porta, figuriamoci, ma solo a dare garanzie alla cittadinanza che il tizio che suona il campanello per vendere un nuovo contratto ad esempio di gas metano, sia in prima istanza proprio un venditore autorizzato e non altro, e che venda proprio quel prodotto.
Certo le  ditte  devono presentare una serie di documenti ed aspettare qualche giorno prima di avere la nostra autorizzazione, giorni che ci servono per fare gli opportuni controlli.
Dopo di che rilasciamo un’autorizzazione con tanto di timbro e firma del comandante di PL  e con quella il venditore  potrà fare con tranquillità il suo lavoro e troverà  anche meno diffidenza a suonare ai campanelli.
E il cittadino potrà anche non farlo entrare in casa perché non interessato, ma almeno avrà una garanzia in più che quel venditore è una persona seria.
Raccomando quindi ai cittadini di Pescate e anche di Garlate, prima di fare entrare qualcuno in casa per le vendite porta a porta, di sincerarsi e prendere visione sempre dell’autorizzazione della Polizia locale intercomunale.
E nel caso il soggetto non ne sia provvisto, segnalarne la presenza sul territorio al numero emergenze della Polizia Locale 366 6991167.
A domani.
 

Ultimo aggiornamento

Giovedi 30 Luglio 2020