07-giu-19

Data:
13 Luglio 2020
Agli alunni delle scuole elementari è stato distribuito ieri il programma dei servizi scolastici per il prossimo anno 2019/20, mentre per le scuole medie arriverà verso la seconda metà di questo mese, ma posso già anticipare delle novità di rilievo per la nostra scuola secondaria  il prossimo anno scolastico.
I 16 ragazzini iscritti in prima classe e anche tutti gli altri potranno contare su servizi aggiuntivi che mirano ad aprire ancora di più la scuola alle famiglie e al  territorio, come stiamo facendo da anni.
Il modello è quello di far diventare la scuola media di Pescate sempre più un college di tipo inglese, con alto livello di insegnamento e con servizi di altissimo livello che pochi comuni hanno.
La scuola di adesso è già cambiata anni luce rispetto a quella che ho trovato nel 2011 quando sono diventato sindaco, quando  ho assunto su di me tutte le funzioni dell’assessorato all’istruzione.
A parte la classe prima che non si era formata per insufficienza di iscritti ma ormai quella è acqua passata, vi era un’articolazione di orario su sei giorni settimanali, sabato compreso quindi.
Non c’era il servizio mensa, non c’era il servizio trasporto, non c’era il doposcuola, non c’erano i pre scuola e tutti i servizi che ci sono adesso. Sei giorni  la settimana e cinque ore al giorno, la scuola era quella e basta,  prendere o lasciare.
Non si parlava di libri di testo gratuiti, prima dotazione scolastica gratuita, tablet per tutti i primini, mensa scolastica  e servizio scuolabus.
Otto anni di innovazioni in cui la scuola è cresciuta, si è consolidata fino a crescere anche troppo, con due anni di iscrizioni alle stelle e tanti non residenti costretti a riscriversi altrove.
E ora stiamo lavorando perché la realtà dell’anno scolastico 2019-20 sia questa, ancora più completa, ancora più di livello.
L’orario scolastico sarà distribuito su cinque giorni alla settimana, dalle ore 8 alle ore  13.50/14 , con sei ore di lezione al giorno e nessun rientro pomeridiano obbligatorio.
L’attività di prescuola  sarà ancora garantita, con i ragazzi che possono entrare a scuola mezz’ora prima dell’inizio delle lezioni.
Dalle ore 13.50/14 in poi obbligo scolastico sarà terminato e lo scenario sarà questo.
Lo scuolabus riporta a casa i ragazzi che vogliono lasciare la scuola,  e gli altri che rimangono facoltativamente al pomeriggio si incamminano verso la mensa scolastica, con operatori comunali o scolastici che li accompagnano, mangiano con loro e li riportano a scuola alle ore 14.30.
I genitori possono scegliere se farli pranzare e poi venire a prenderli già alle 14.30, oppure lasciarli a scuola anche al pomeriggio.
La mensa scolastica è tutta per loro perché i bambini delle scuole elementari a quell’ora hanno già pranzato.
Dalle ore 14.30 fino alle ore 16.30  dal lunedì al venerdì, i ragazzi fanno doposcuola, svolgono per prima cosa  i compiti per casa, poi attività varie, teatrali, musicali, di lingua straniera con operatori di una cooperativa culturale oppure con i loro stessi insegnanti.
La  novità per la quale stiamo lavorando e che abbiamo ufficialmente presentato alla dirigenza dell''Istituto, è proprio quella di  fare in modo che siano gli stessi insegnanti del corso a condurre il doposcuola, almeno qualche pomeriggio, con una convenzione fra Comune e Istituto Comprensivo.
E queste attività integrative,  rimangono comunque gratuite alle famiglie.
Dopo le ore 16.30, alla fine del doposcuola, lo scuolabus riporta a casa i ragazzi.
In conclusione e in sintesi  le famiglie  possono accompagnare il figlio allo scuolabus dopo le ore 7, se lo vedono tornare a casa a lezioni finite dopo le 14, oppure se vogliono, sempre con lo scuolabus entro le ore 17.
Per i genitori che lavorano un grosso aiuto sociale, ma anche per i ragazzi, che passano i pomeriggi a studiare e a confrontarsi  a scuola con i loro insegnanti od educatori specializzati, piuttosto che stare magari davanti alla playstation o davanti alla televisione.
Questo si  chiama avere una scuola con servizi di  altissimo livello, e un Comune vicino ai ragazzi e alle loro  famiglie.
Buon fine settimana.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 30 Luglio 2020