27 marzo 2020 - Aggiornamento

Data:
13 Luglio 2020
Il centralino degli uffici comunali ieri per tutta la giornata  è stato letteralmente preso d’assalto dai cittadini per la fornitura di mascherine, anche impropriamente perchè avevo scritto ieri che la fornitura per i cittadini è riservata ai lavoratori residenti che ancora sono in servizio perchè impiegati in attività lavorative  fondamentali, e non a tutti indistintamente.
E attività fondamentali non sono solo quelle sanitarie che sono vitali, ma anche quelle che ci permettono di vivere normalmente, riportate  in allegato all'ultimo Decreto del presidente del consiglio dei ministri.
A solo titolo di esempio coloro che lavorano in negozi di alimentari, supermercati, taluni artigiani, riparatori, trasportisti, bancari, attività e personale in servzio in  settori strategici e pubblici.
Ieri abbiamo distribuito in un solo giorno circa 550 mascherine.
Come sindaco devo tutelare ovviamente  la salute di tutti, ma nella fattispecie  quella dei cittadini più esposti al contagio, che sono quelli  costretti ad uscire di casa per lavoro, perché quelli che sono in casa  e devono rimanere in casa, di mascherine non ne hanno bisogno.
Stiamo cercando di reperire altre mascherine anche per i pescatesi che lavorano in ospedale come medici e infermieri, che necessitano per la loro preziosa funzione di tipologie molto più performanti come le mascherine FFP2 o le introvabili FFP3.
Prego quindi soprattutto le persone anziane  che devono far la spesa di telefonare in municipio non per cercare le mascherine, ma piuttosto per attivare nel caso la consegna della spesa a domicilio, un importante servizio che effettuiamo  a mezzo dei nostri volontari.
Vorremmo mettere a disposizione mascherine anche per chi deve fare la spesa, ma per ora non abbiamo disponibilità sufficienti.
Ma ci  stiamo lavorando ininterrottamente, convinti che ogni mascherina che possiamo dare in più ai nostri cittadini potrebbe significare molto, ed appena lo potremo fare, se lo potremo fare, lo leggerete qui.
Non sappiamo quanto durerà questa fase emergenziale e quindi per ora mettiamo a disposizione gratuitamente dei pescatesi le mascherine solo a chi ne ha veramente bisogno e rischia la salute ogni giorno per fare in modo che tutti noi possiamo nutrirci, curarci, e avere i servizi fondamentali.
A stasera

AGGIORNAMENTO

La consueta mail della Prefettura giunta alle 19.16 mi conferma gli stessi dati di ieri.
Restiamo quindi fermi a 3 (tre) casi di Covid-19 a Pescate.
A domani.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 30 Luglio 2020